Guida al Museo d’Arte di Kadriorg, Tallinn

Il Museo d’Arte Kadriorg è l’unico museo in Estonia che si dedica alla prima arte europea e russa.

Mostra permanente del Museo d’Arte di Kadriorg

La mostra permanente del Museo d’Arte Kadriorg presenta i gioielli della collezione d’arte straniera del Museo d’Arte dell’Estonia, che comprende principalmente dipinti, sculture e opere d’arte applicata provenienti dall’Europa occidentale e dalla Russia dal XVI al XX secolo.

La mostra comprende dipinti del XVI-XVIII secolo realizzati da maestri olandesi, tedeschi, italiani e russi, così come l’arte applicata e le sculture dell’Europa occidentale e russa dal XVIII al XX secolo. L’esposizione è organizzata in diverse sezioni dedicate alle scuole nazionali, con particolare enfasi sulla scuola olandese e russa, che sono le più ampie e complete. Inoltre, sono presenti opere di altri paesi che rappresentano vari periodi e movimenti artistici.

L’esposizione permanente dell’arte dei Paesi Bassi è prevalentemente composta da opere del XVII secolo, noto come il periodo d’oro dell’arte olandese. Le prime opere nella collezione del Museo d’Arte dell’Estonia provengono dai Paesi Bassi, come i dipinti “Processione nuziale” e “Presentazione di doni” provenienti dallo studio di Pieter Breughel il Giovane. Queste opere sono state acquisite dal museo nel 1919 e sono registrate con i numeri EKM VM 1 e EKM VM 2.

Uno dei capolavori più pregiati del XVI secolo presenti nella collezione è il dipinto “La cacciata dei mercanti dal tempio“, la quale è stato associato alla cerchia di Hieronymus Bosch, suscitando l’interesse di un progetto di ricerca internazionale.

Inoltre, l’esposizione comprende opere d’arte di artisti come Jacob Jordaens, Leonhard Bramer, Maerten de Vos, Philips Wouverman, Bartholomeus van der Helst e molti altri.

Il dipinto più antico presente nella mostra permanente del Museo d’Arte Kadriorg è un’opera dello studio di un importante artista del periodo della Riforma, Lucas Cranach il Vecchio. Si intitola “Ritratto di Giovanni Federico il Magnanimo, principe elettore di Sassonia” e risale alla metà del XVI secolo.

La mostra è prevalentemente dedicata alla ritrattistica, con una rappresentazione significativa dei lavori del rinomato e prolifico ritrattista del XVII secolo Benjamin Block e del ritrattista tedesco Anton Graff. Quest’ultimo era già noto tra la nobiltà baltica e la ricca borghesia urbana all’inizio del XIX secolo. I ritratti di Graff dei proprietari terrieri Õisu von Sieverses riflettono l’ideale di femminilità e mascolinità dell’epoca e sono considerati tra le migliori opere dell’artista.

Nella mostra permanente, la pittura italiana è rappresentata da opere di maestri principalmente del XVII secolo, tra cui Bernardo Strozzi, Francesco Trevisani, Tommaso Salini, Andrea Vaccaro e altri. Uno dei capolavori presenti è il dipinto dallo studio di Annibale Carracci intitolato Il martirio di Santo Stefano, che esemplifica l’approccio classicista e accademico dell’arte barocca romana con un’interpretazione idealizzata.

La maggior parte delle opere esposte si caratterizza per i forti contrasti caravaggeschi tra luce e ombra, oltre a un trattamento delle forme estremamente plastico. Un esempio degno di nota è il busto ritratto della principessa Zinaida Volkonskaya realizzato da Pietro Tenerani, che rappresenta con dignità e sensibilità la ricerca dell’ideale di bellezza fisica e spirituale comune nell’arte classicista.

L’esposizione dell’arte russa comincia con i classici ritratti del XVIII secolo dei pionieri della scuola nazionale russa di pittura, come Fyodor Rokotov e Dmitry Levitzky. Inoltre, l’Accademia delle arti di San Pietroburgo, fondata sul modello delle istituzioni educative artistiche europee, è rappresentata dal dipinto attribuito ad Alexei Yegorov, intitolato “Il miracolo del profeta Eliseo“.

L’importanza sempre maggiore della pittura paesaggistica si manifesta attraverso i suggestivi paesaggi marini di Ivan Aivazovsky e Alexey Bogolyubov. Nell’esposizione sono presenti anche opere di importanti maestri del realismo russo come Ivan Kramskoi, Ilya Repin e Ivan Shishkin. Mentre nelle opere di Konstantin Korovin, Kuzma Petrov-Vodkin e Sergei Vinogradov, sono presenti le innovazioni del movimento modernista dei primi del XX secolo.

È stata dedicata una sala separata all’arte applicata, offrendo ai visitatori l’opportunità di ammirare la produzione delle manifatture russe di porcellana e vetro. Tra le opere esposte vi sono serie figurative che rappresentano diverse professioni e nazionalità presenti in Russia, così come porcellane di propaganda.


Collezione di sculture del Museo di Kadriorg

La scultura rappresenta una sezione piccola ma significativa della collezione d’arte straniera del museo ed è stata raramente esposta al pubblico.

Nel nuovo spazio di stoccaggio, situato al piano terra del Palazzo Kadriorg, i visitatori possono esplorare opere d’arte della collezione di sculture dell’Europa occidentale e russa, che comprende oltre 250 opere datate dal XVIII al XX secolo. La maggior parte della collezione consiste in copie di sculture classiche e opere d’arte provenienti dalla Russia sovietica. Infine, sono presenti anche i ritratti ed esempi di sculture figurative e decorative.

Durante la visita della galleria di stoccaggio, viene offerto ai visitatori l’opportunità di ammirare più da vicino la scultura, esplorando le principali tecniche che sono state utilizzate in questo campo artistico.

Galleria del Museo d'Arte di Kadriorg, Tallinn


Museo d’Arte Kadriorg: gli orari di apertura

Il museo Kadriorg è aperto nei seguenti giorni:

  • Lunedì: chiuso
  • Martedì: dalle 10 alle 18
  • Mercoledì dalle 10 alle 20
  • Da Giovedì a Domenica: dalle 10 alle 18

Pertanto, rimane chiuso il 31 dicembre, mentre il 23 febbraio, 22 giugno e 23 dicembre, il museo chiude 3 ore prima.

Come raggiungere il Museo Kadriorg

Come anticipato prima, il Museo Kadriorg è situato nell’omonimo Palazzo in via Weizenbergi ed è raggiungibile:

  • A piedi e in bicicletta: percorrere dal centro città la via Narva fino al Parco Kadriorg (35 minuti a piedi e 20 minuti in bici)
  • In Tram:
    Linea n. 1: Kopli – Balti jaam – Hobujaama – Kadriorg o linea n. 3: Tondi – Vabaduse väljak – Hobujaama – Kadriorg
  • In bus:
    Linee n. 1, 8, 19, 29, 34, 35, 38, 44e51 dalla stazione degli autobus di Viru Keskus fino alla fermata “J. Poska” oppure con la Linea n. 5 Männiku – Vabaduse väljak – Viru – J. Poska o Linee n. 60 e 63 Maneeži – J. Poska.
  • In auto e bus turistico: utilizzare il parcheggio gratuito del Museo Kumu.

Articoli correlati

Il Giardino del Re di Danimarca, Tallinn (estonia)

Il Giardino del Re di Danimarca, Tallinn

Il Giardino del Re di Danimarca, situato nel centro di Tallinn, incanta i visitatori con la sua bellezza e la sua storia affascinante. Questo splendido parco offre…

Crateri di Kaali nell'isola di Saaremaa, in Estonia

Scopri i Crateri di Kaali nell’isola estone di Saaremaa, Estonia

Nell’isola estone di Saaremaa, immersa nella quiete del Mar Baltico, si trova un sito geologico unico e affascinante: i Crateri di Kaali. Questi misteriosi crateri offrono uno…

Spiaggia di Pirita

Spiaggia di Pirita, Tallinn

La spiaggia di Pirita a Tallinn è un luogo molto amato da residenti e turisti. Un lungo molo di pietra si protende nell’acqua, offrendo una splendida vista…

Telliskivi, la città creativa di Tallinn

Telliskivi, la città creativa di Tallinn

Dalle gallerie d’arte ai caffè bohemien, dalle boutique alla musica dal vivo, Telliskivi rappresenta un autentico paradiso per chi ama l’arte, la cultura e la creatività. Esso…

cosa vedere a Kalamaja, il quartiere di Tallinn, in Estonia

Kalamaja: Cosa vedere nel quartiere bohemian di Tallinn

Il quartiere Kalamaja Tallinn è stato riconosciuto come uno dei quartieri più affascinanti al mondo secondo un sondaggio di Time Out. La sua bellezza non è dovuta…

Torre televisva di Tallinn

Torre Televisiva di Tallinn

Nel cielo della capitale estone, si erge l’edificio più alto dell’Estonia e in tutto il Nord Europa. La Torre della TV è un grande centro turistico, culturale…